Chi è Becon

Becon AG è una società anonima svizzera che, su incarico dell’ex gruppo Eternit svizzero, si occupa delle questioni connesse ai siti contaminati dall’amianto. Nel 2008 Becon AG ha lanciato, per gli ex dipendenti di Eternit Italia e per i residenti di Casale Monferrato, un’iniziativa ispirata da principi umanitari. L’iniziativa è tutt'ora in corso.

L’offerta di indennizzo formulata da Becon AG non implica un riconoscimento di responsabilità da parte del gruppo Eternit svizzero e dei suoi manager. L’offerta è esclusivamente ispirata dalle convinzioni filantropiche di Stephan Schmidheiny ed è espressione del sentimento di solidarietà nei confronti delle vittime dell’amianto.

Stephan Schmidheiny – Pioniere dell’abbandono dell’amianto

Stephan Schmidheiny è stato, a livello mondiale, un pioniere nell'utilizzo di metodi sicuri nella lavorazione dell’amianto e nella ricerca di sostanze alternative all'amianto. Suo padre, Max Schmidheiny, gli affidò nel 1976 alcuni compiti nella direzione del gruppo Eternit svizzero. Così Stephan Schmidheiny, all’età di 29 anni, si trovò all’apice di un conglomerato con partecipazioni di minoranza in oltre 20 paesi, caratterizzato dall'autonomia decisionale delle società locali.

Stephan Schmidheiny già nel 1981 aveva annunciato un programma per l’abbandono della lavorazione dell’amianto, che poi ha trovato attuazione negli anni successivi. Stephan Schmidheiny è stato così nettamente in anticipo rispetto alla concorrenza e alla maggior parte delle legislazioni statali. In Svizzera la lavorazione dell’amianto è stata vietata nel 1990, in Italia nel 1992.

Alla fine degli anni ottanta, Stephan Schmidheiny ha ceduto tutte le partecipazioni nel gruppo svizzero Eternit, cimentandosi in nuove attività imprenditoriali.

Ulteriori informazioni su Stephan Schmidheiny

www.stephanschmidheiny.com